Amianto via Malpighi, Sunia scrive alla Saccardi. Buricchi: "Il primo caso da risolvere"

Richiesta di dati e documentazione all’Usl. Sollecito dell’incontro con Comune, Arezzo Casa, Regione e la stessa Usl. Coinvolgimento dell’assessorato alla salute della Regione Toscana. “Vogliamo arrivare il più rapidamente possibile alla...

via malpighi1

Richiesta di dati e documentazione all’Usl. Sollecito dell’incontro con Comune, Arezzo Casa, Regione e la stessa Usl. Coinvolgimento dell’assessorato alla salute della Regione Toscana.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
“Vogliamo arrivare il più rapidamente possibile alla soluzione del problema amianto in via Malpighi – commenta Fabio Buricchi, Segretario provinciale del Sunia, il Sindacato inquilini e assegnatari. Per questa abbiamo scritto all’Usl Toscana Sud est per avere documentazione e dati relativi alla presenza di inquinanti, rilasciabili dalla copertura in eternit dell’edificio e dello stato generale della copertura stessa. Vorremmo inoltre conoscere il grado di pericolosità per la salute pubblica che il servizio di prevenzione Usl ha rilevato. A tutti gli enti che abbiamo coinvolto in queste settimane abbiamo poi sollecitato la convocazione di un incontro per conoscere le determinazioni di ognuno di essi su tempi e modalità di esecuzione dei lavori di rimozione dei pannelli in eternit delle coperture dell'edificio ERP di via Malpighi”.

Un'altra lettera, il Sunia di Arezzo, l’ha inviata anche alla vice Presidente e assessore alla salute della Regione Toscana, Stefania Saccardi:

“siamo convinti, e lo abbiamo sottolineato anche nella lettera già inviata all’assessore regionale alla casa, Vincenzo Ceccarelli, che il caso di via Malpighi ad Arezzo non è un caso isolato – sottolinea Buricchi. A distanza di ben 24 anni dall'entrata in vigore della legge 257 del 1992, sono numerosissimi i siti abitativi pubblici e privati, gli edifici industriali e artigianali e gli annessi agricoli le cui coperture sono ancora oggi in amianto. Possiamo invece solo immaginare quanto amianto possa ancora esistere non visibile, utilizzato all'interno di manufatti costruttivi e mai bonificato. Non sono bastati 25 anni per eliminare l'amianto che è stato utilizzato dai primi anni sessanta al 1992. Si stanno ancora predisponendo in Italia piani nazionali e regionali a conferma che il problema è stato colpevolmente sottovalutato. Una stima Ispesl ricorda che abbiamo in dote 500 chili di amianto per ogni italiano”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Vasco Rossi incontra Scanzi e Mastandrea: "Saluti dall'Italia, quella bella"

  • Calciomercato dilettanti, la tabella dei trasferimenti

  • Arezzo, già 12 casi di Legionella. La Asl: "Ecco come si può contrarre e come prevenirla"

  • Travolta dal marito in retromarcia: è in prognosi riservata

  • Il prof Caremani: "Attenzione, il virus non è più buono d'estate. E i politici diano l'esempio, vedo foto da irresponsabili"

  • Un'altra vittima in moto: scontro fatale per un 61enne. Era presidente del Consorzio Agrario di Ancona

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento