Ad Arezzo la Settimana Europea per la Riduzione del Rifiuti

Dal 21 al 29 novembre torna a Arezzo la Settimana Europea per la Riduzione dei Rifiuti (SERR). La Settimana Europea per la Riduzione dei Rifiuti rappresenta la principale e più ampia campagna di comunicazione ambientale e sensibilizzazione dei...

rifiuti_cassonetti_differenziata

Dal 21 al 29 novembre torna a Arezzo la Settimana Europea per la Riduzione dei Rifiuti (SERR). La Settimana Europea per la Riduzione dei Rifiuti rappresenta la principale e più ampia campagna di comunicazione ambientale e sensibilizzazione dei cittadini europei circa l’impatto della produzione di rifiuti sull’ambiente. Nata all’interno del Programma LIFE+, si avvale del sostegno della Commissione Europea. La SERR mira a promuovere tra i cittadini una maggiore consapevolezza sulle eccessive quantità di rifiuti prodotti e sulla necessità di ridurli drasticamente. L’accento è quindi sulla prevenzione dei rifiuti e su come ognuno di noi possa contribuire a ridurre i rifiuti in prima persona.

“L’obiettivo strategico per affrontare il problema dei rifiuti non è quello di trovare nuovi modi per smaltirli ma di evitare di produrli, riutilizzando tutte le materie prime, innescando processi produttivi in cui già dalla progettazione si pensi al loro riciclaggio e al riutilizzo dei materiali” sostengono i promotori della campagna.

Anche l’Italia, attraverso il suo Comitato promotore formato da Ministero dell’Ambiente, Unesco, Anci, Legambiente e da numerosi altri soggetti, rinnova la sua partecipazione, insieme a tanti altri Paesi europei e con il patrocinio del Parlamento Europeo.

Le azioni attuate nella SERR affrontano le “3 R”: Ridurre, Riutilizzare, Riciclare. Le “3 R” rappresentano le opzioni che devono essere considerate prima dell’elaborazione di una strategia di gestione dei rifiuti. Seguendo questa gerarchia, la riduzione dei rifiuti dovrebbe essere sempre la prima priorità, che riguarda sia i produttori di merci sia i consumatori, che con il loro comportamento attento possono imparare ad acquistare meno imballaggi o meno potenziali rifiuti. La seconda opzione è quella di riutilizzare/riusare i prodotti, per esempio vasi e bottiglie di vetro oppure altri materiali, anche in maniera utile o creativa. Infine, la terza priorità è il riciclaggio dei materiali, possibile solo attraverso un’attenta raccolta differenziata, che dipende in larghissima parte dal comportamento corretto dei cittadini.

Per questo motivo la SERR si rivolge soprattutto ai cittadini/consumatori: attraverso una maggiore consapevolezza tutti noi possiamo contribuire a ridurre uno dei problemi più attuali e pressanti delle nostre società dei consumi: la produzione e lo smaltimento dei rifiuti.

Il Comune di Arezzo ha aderito alla campagna europea e, insieme ad alcune associazioni del CEAA (Legambiente, WWF, Fabbrica del Sole, APAF, NoMad), con il contributo di SEI Toscana e AISA Impianti, promuoverà in questa settimana alcune azioni rivolte in particolare alle scuole, alle famiglie e agli uffici comunali, con una campagna locale intitolata “Rius-AR(t)”.

Riprende infatti in questa settimana “Scuole per l’ambiente”, un progetto che ha consolidato nella maggior parte delle scuole aretine una virtuosa raccolta differenziata dei rifiuti. Il progetto, che in questi anni ha dato interessanti risultati in termini di riduzione e avvio al riciclaggio, verrà ampliato, rilanciato e monitorato, attraverso azioni coordinate fra Amministrazione, Sei Toscana, AISA Impianti, Dirigenti scolastici, Insegnanti, studenti e associazioni ambientaliste.

Anche i dipendenti comunali sono invitati a ridurre i rifiuti negli uffici pubblici, con un promemoria delle buone pratiche da seguire ogni giorno: riduzione degli sprechi, in particolare della carta, riduzione degli imballaggi e uso dell’acqua del rubinetto, maggiore raccolta differenziata.

Ai bambini e alle loro famiglie è rivolto l'invito alla partecipazione a divertenti laboratori creativi, intitolati “Rius-AR(t)”, che si svolgeranno presso i locali della Casa Diritta di Via Garibaldi 15 venerdì 27 novembre dalle ore 15,30 alle 18,30. I volontari delle associazioni del Centro di Educazione Ambientale e Alimentare del Comune di Arezzo CEAA animeranno alcuni divertenti laboratori per realizzare segnalibri, giochi del mondo e giochi poveri con materiale di recupero: un modo concreto per educare alla riduzione dei rifiuti e al valore prezioso dei materiali. I laboratori sono gratuiti ma è richiesta la prenotazione (0575 401898 o 22225 – email: ceaa@comune.arezzo.it)

Potrebbe interessarti

  • Carta d'identità elettronica obbligatoria: ecco come ottenerla

  • Ragno violino, come riconoscerlo e come difendersi dal morso

  • I 5 errori da evitare quando si arreda casa

  • Come allontanare gli scarafaggi

I più letti della settimana

  • Sagre e feste paesane: un calendario completo per non perderne nessuna

  • Carta d'identità elettronica obbligatoria: ecco come ottenerla

  • Calciomercato dilettanti, la tabella dei trasferimenti

  • Va a sbattere contro un muro: soccorso con Pegaso

  • Scontro auto motorino, 15enne trasferito alle Scotte con Pegaso

  • Donna travolta da un'auto, attivato Pegaso

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento