share 91140 fare per fermare il declino oscar giannino ad arezzo per presentar il suo programma politico

archivio-Redazione

oscar gianninoE’ entrata nel vivo la campagna elettorale di “Fare per Fermare il declino”. Alle 16.30 di questo pomeriggio il leader del neonato gruppo politico, Oscar Giannino è arrivato ad Arezzo per incontrare simpatizzanti, aderenti e semplici elettori.
All’interno della sala conferenze dell’Hotel Etrusco, l’economista torinese è stato accolta da una gremita folla di aretini pronti ad ascoltare le ragioni che lo hanno spinto a candidarsi alle prossime elezioni politiche previste per il 24 e 25 febbraio.
Con un programma di dieci punti fondamentali, Giannino si propone come leader del “Fare”.
“Pochi punti ma fondamentali – ha spiegato l’economista – dobbiamo cambiare marcia in Italia. Purtroppo la nostra nazione ha alle spalle 20 anni di decrescita e negli ultimi due anni ha accellerato la marcia per quanto riguarda la tassazione”. Al suo fianco anche Danilo Petri ex consigliere provinciale di Alleanza Nazionale, che si è candidato in “Fare per fermare il declino”. Il claim della giornata è stato “Per non morire di tasse”. “Lo slogan scelto – ha spiegato il candidato al Senato per “Fare” Danilo Petri – spiega come la de-meritocrazia italiana ci abbia portato non solo sull’orlo del baratro economico e sociale, ma anche a sentire il peso della mancanza di libertà individuale. L’arrivo di Giannino ad Arezzo ha un alto valore politico: metto il mio impegno in una battaglia intemerata e ricca di buone idee per la Nazione, una lotta per radicare nell’agire politico degli Italiani liberalismo e pragmatismo, un fronte per arginare il potere clientelare dei partiti e degli uomini del fallimento, un fronte per ridurre drasticamente il perimetro dello Stato, per restituire agli italiani il compito di Fare per Fermare il Declino”.

oscar giannino2“Non possiamo continuare a morire di tasse, specie in una regione produttiva come la Toscana. Destra e sinistra prima, e Monti adesso, hanno continuano a usare più tasse come unica ricetta per risollevare i conti pubblici”. Un messaggio chiaro, per convincere gli elettori a dare fiducia a lui e al partito rappresentato – a livello locale – dai candidati aretini Danilo Petri e Marianna Calosci. E’ un Oscar Giannino lucido e determinato, quello che questo pomeriggio ha riempito la sala dell’hotel Etrusco, ad Arezzo per il primo, vero appuntamento di campagna elettorale in Toscana.

Alla platea aretina, composta da 600 persone tra imprenditori, professionisti e tantissimi cittadini comuni curiosi di ascoltare la versione di Giannino, il leader nazionale del movimento  “Fare” ha illustrato i diciotto punti del programma e messo in evidenza la netta discontinuità rispetto alla Seconda Repubblica in termini di idee, persone, proposte concrete da offrire al Paese dopo anni di chiacchiere, retorica e sterili contrapposizioni ideologiche.

oscar giannino1“Siamo felici che Oscar abbia scelto Arezzo come prima tappa toscana della campagna – spiega il candidato al Senato Danilo Petri – e confermiamo l’impegno di tutto il coordinamento aretino queste elezioni. La de-meritocrazia italiana ci ha portato non solo sull’orlo del baratro economico e sociale, ma anche a sentire il peso della mancanza di libertà individuale. Lotteremo per radicare nell’agire politico degli Italiani liberalismo e pragmatismo, per arginare il potere clientelare dei partiti, per ridurre drasticamente il perimetro dello Stato e restituire agli italiani il compito di Fare per Fermare il Declino”.

share 91140-fare-per-fermare-il-declino-oscar-giannino-ad-arezzo-per-presentar-il-suo-programma-politico

share 91140-fare-per-fermare-il-declino-oscar-giannino-ad-arezzo-per-presentar-il-suo-programma-politico

An unknown error occured.

Altre Dall’Autore

archivio-Redazione

Altri Articoli

Top